top
logo
Banner

Aggiungi il sito ai tuoi preferitiCondividi questa paginaInvia questa pagina via mailStampa questa paginaSalva in PDF
Back to Top

Contattaci

Aforismi in Libertà

Non c'è che una stagione: l'estate. Tanto bella che le altre le girano attorno. L'autunno la ricorda, l'inverno la invoca, la primavera la invidia e tenta puerilmente di guastarla.
(Ennio Flaiano)
27/7/2014

Leggi tutto...

LiberaLuiss

Banner

LiberaMenteOnline 2.0 - il web per una mente libera - Home Page ATTUALITA' Mondo In guerra la prima a morire è la verità Visite articolo: 346
07
Dic
2012
In guerra la prima a morire è la verità PDF Stampa E-mail
ATTUALITA' - Mondo
Scritto da Beatrice Settanni   

gaza guerra israeleLa tregua è arrivata dopo il tragico bilancio dell’operazione “Pillar of Defence” in cui 110 palestinesi sono morti e 3 israeliani sono stati uccisi dai rispettivi razzi nemici, mentre un’intera popolazione è costretta a vivere nell’inferno di Gaza. Quando senza molta attenzione sentiamo queste notizie passare veloci al telegiornale o le leggiamo tra i titoli delle testate più importanti non ci rendiamo certo conto della immensa catastrofe umana che vi è dietro. Un popolo privato della propria terra, un altro che da secoli non trova pace. Non esistono più uomini, donne o bambini, non esistono ebrei o arabi; esistono solo le vittime di un odio feroce.

Nel momento in cui la Gran Bretagna con la dichiarazione Balfour del 1917 aiuta ed approva il progetto sionista ( per puri interessi economici, è utile ricordarlo) si inizia a delineare quello che sarà il futuro “Stato di Israele” con tutte le conseguenze e le discriminazioni a carico della popolazione araba che ciò comporterà, soprattutto in seguito alla  massiccia immigrazione ebraica degli anni ’30 . La lunga storia di orrore e di sangue che caratterizza questa terra non avrà poi certo fine con il Piano di Spartizione della Palestina proposto dall’Onu nel ’47 e contenuto nella risoluzione 181: è il 9 aprile 1948 quando con l’uccisione di 250 arabi, per la maggior parte donne e bambini, ad opera delle truppe dell’organizzazione paramilitare terroristica Irgun inizia la Nakba, l'estromissione di buona parte degli abitanti arabi della Palestina dai confini dello Stato d'Israele. Ed è da quel momento che la violentissima guerra arabo-israeliana non ha fine. Molto ci sarebbe da dire ed è davvero difficile approfondire tale questione in poche e veloci battute: non posso e non voglio farlo. E non posso ovviamente spiegare qualcosa che manca, a parer mio, di un senso logico. C’è chi dice che il sionismo sia la prima causa dell’antisemitismo: sì, no, forse. Non sta a me dire chi ha torto e chi ha ragione. Io vedo soltanto due popoli che rivendicano l’ affermazione dello stesso diritto all’autodeterminazione sulla base di ragioni diverse. Ciò che certamente posso affermare è che in questa tragedia non esiste “il giusto” e “lo sbagliato” perché, come la storia troppe volte ci ha tristemente insegnato, in guerra la prima a morire è la verità.

 

 

LMO social

LiberaMenteOnline

Segui _Liberamente_ su Twitter

Rete LUISS

Banner

LMO consiglia

Banner
Banner
Banner
Banner

bottom

Informazioni | Copyright | Pubblicità | Condizioni | Collabora con Noi | Privacy | Contatti |

Copyright © 2014 LiberaMenteOnline. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.